Tanit era la divinità più importante della mitologia cartaginese e onora la fertilità e la luna. Una dea giunta sull’isola di Ibiza attraverso la conquista cartaginese. Un’isola ideale per loro perché non ci sono animali velenosi, facile da sbarcare via mare e anche facile da conquistare.

Tuttavia, la storia racconta che quando i Cartaginesi vennero a conquistare Ibiza, ci furono diversi giorni di tempesta e la terra rossastra dell’isola macchiò il mare di rosso. Questo ricordava agli africani i riti del bagno di sangue di Tanit, che divenne la dea di Ibiza.

Infatti, è ad Ibiza che è stato trovato il più grande santuario dedicato a questa dea di tutto il Mediterraneo. Si trova nella Cueva de Es Culleram, situata a 150 metri sopra il livello del mare a Sant Vicent de sa Cala.

Un santuario scoperto nel 1907 con più di 600 sculture e 1.000 teste e frammenti della dea Tanit in uno spazio di tre zone: una esterna per i sacrifici, una centrale dove si trovava la dea e una più profonda, dove venivano depositate le ceneri delle consacrazioni.

La grotta si può visitare gratuitamente tutto l’anno, mentre al Museo Etnografico di Puig des Molins si può contemplare il busto più antico di questa dea, trovato sull’isola.

Please follow and like us: